Presso l’Hotel Savonarola di Occhiobello, dove era in ritiro con la sua squadra, il Genoa, impegnata nella trasferta di Ferrara contro la Spal, il mister dei grifoni Thiago Motta ha incontrato il sindaco Leonardo Raito:

 

Ebbene, l’incontro tanto atteso c’è stato. Questa mattina, ho avuto il piacere di fare una lunga chiacchierata con Thiago Motta, accompagnato da alcuni dirigenti del Genoa. Puntuale, molto gentile, ha accolto con grande gioia la proposta di conferirgli la cittadinanza onoraria di Polesella, promettendo di venire a trovarci, insieme al papà, non appena gli impegni della stagione glielo consentiranno. Thiago ci ha donato una maglia del Genoa dedicata a Polesella, ha voluto informarsi sul nostro paese, sulla nostra comunità, sulle attività sportive, sul nostro stadio. La sua storia esemplifica quella di tanti emigrati che anni fa andarono in sud America a cercare fortuna e in alcuni casi sono riusciti a ritagliarsi ruoli significativi nelle professioni, nello sport, nella vita.  Thiago Motta manda un abbraccio a tutta la comunità di Polesella e promette di non perdere più il contatto con la comunità che ha dato le origini e quelle radici italiane alla sua famiglia.

 

Il campione italo-brasiliano, discende dalla famiglia di Fortunato Fogagnolo, che ai primi del novecento lasciò Polesella per cercare fortuna nel paese sudamericano. Thiago Motta ha commentato visibilmente emozionato la visita del primo cittadino:

 

E’ una visita che ricevo con tutto il piacere del mondo” ha detto l’allenatore che ha donato al primo cittadino una maglia speciale del club più antico d’Italia. «Sono legato alle origini dei bisnonni e al paese da cui erano partiti per il Brasile. Se in passato ho giocato in Italia e ho avuto l’onore di difendere i colori della nazionale, lo devo alle mie radici che portano lì. Grazie a voi e a tutti gli abitanti di Polesella».

 

 

Ultimo aggiornamento

Martedi 21 Gennaio 2020