IL SINDACO SCRIVE AL PREFETTO PER PONTI E FRANE

La richiesta di un incontro in Prefettura sui problemi delle frane

Data:
07 Febbraio 2020

Carta e penna per segnalare agli Uffici Territoriali del Governo i problemi legati alle frane lungo i canali consortili che interessano strade provinciali e comunali e ponti. Il sindaco di Polesella Leonardo Raito, pur lodando il prezioso lavoro svolto dai Consorzi di Bonifica, con cui c’è sempre una proficua collaborazione, nota come la carenza di risorse rischi di ampliare il divario tra le manutenzioni ordinarie necessarie e gli interventi straordinari sempre più urgenti per sopperire a situazioni di assoluta gravità.

 

“nelle settimane scorse ho evidenziato il disagio di molti territori per le tantissime frane che interessano gli argini dei canali e le strade che insistono sulla loro sommità. Senza interventi massicci e straordinari sono a rischio la transitabilità di strade e ponti e molte località o insediamenti rischiano di restare isolati. Guardate quante sponde di canali sono franate, guardate quante strade hanno avvallamenti, cedimenti e restringimenti di carreggiate, guardate quanti ponti sono in sofferenza, anche in relazione ai carichi che devono sostenere. Per tutti questi motivi ritengo che il finanziamento di un piano di sistemazione idrogeologico del Polesine sia prioritario e non rinviabile, pena guai peggiori che riguarderanno istituzioni, comuni, provincia e consorzi”.

 

Di qui la richiesta inviata alla Prefetta di Rovigo.

 

“La dottoressa Maddalena De Luca si è sempre rivelata estremamente attenta alle esigenze del territorio e ne ha portato le istanze ai principali livelli istituzionali. Credo che un tavolo di confronto con tutti i soggetti interessati possa essere proficuo. Abbiamo bisogno che vengano messe a disposizione dei Consorzi di bonifica tutte le risorse che servono. I Consorzi, poi, hanno competenze e capacità per poterle giocare al meglio. Si tratta anche di dipanare dubbi in merito alle responsabilità e ai conflitti di competenze. I comuni possono finanziare interventi su opere che non rientrano nella loro diretta competenza?”

Ultimo aggiornamento

Venerdi 07 Febbraio 2020